APPELLO ALL'AZIONE
fotoapelitalien.jpg

Agire Tutti per la Dignità

Il Movimento Internazionale ATD Quarto Mondo ed il Comitato Internazionale 17 Ottobre vi invitano a sostenere questo Appello all’Azione.

Mentre l’umanità deve affrontare delle sfide senza precedenti che necessitano dell’intelligenza di tutti, noi non possiamo più permetterci lo spreco umano che la miseria rappresenta.

La miseria è una violenza. Provoca giudizi ed umiliazioni, rinchiude nel silenzio, distrugge delle vite. È il maggior ostacolo alla pace ed alla vita del pianeta.

La miseria però non è una fatalità. Come la schiavitù e l’apartheid, può essere rifiutata. Da sempre coloro che la subiscono le resistono ed il nostro mondo ha bisogno della loro intelligenza.

È arrivato il momento di costruire un mondo nel quale nessuno sia lasciato da parte. Possiamo imparare gli uni dagli altri a liberarci dalle logiche d’esclusione e di dominio che hanno governato le relazioni umane per troppo tempo. Persone di qualsiasi condizione sociale e molte organizzazioni si riconoscono nell’appello all’impegno lanciato da Joseph Wresinski, fondatore di ATD Quarto Mondo, il 17 ottobre 1987, prima giornata mondiale del rifiuto della miseria :

  “Laddove degli uomini sono condannati a vivere nella miseria, i diritti dell’uomo vengono violati. Unirsi per farli rispettare è un dovere sacro”.  

Questo appello è una risposta pacifica alla violenza della miseria. Ha permesso ad alcune popolazioni e a molte famiglie escluse di uscire dal silenzio, di agire con gli altri, di farsi ascoltare.

Dal 1987, sempre più persone di qualunque condizione osano ribadire a loro volta il loro rifiuto e si mobilitano. Alcune istituzioni s’impegnano e le loro azioni provano che uniti possiamo vincere l’esclusione e la miseria.

Dimostrano che insieme è possibile costruire un mondo di pace, liberato dalla miseria e dalla paura, dove ogni essere umano darà il meglio di sé.

Anche io ho scelto di agire per un mondo liberato dalla miseria.

(cliquez sur l'image pour signer l'Appel sur le site: stoppauvrete.org )

À lire aussi